sabato 27 giugno 2015

Dei tassi e delle pene



Si prospetta un futuro tremendo per Matthew Tannin e Ralph Cioffi, i due gestori di fondi d’investimento coinvolti nello scandalo dei Mutui Subprime, dopo il loro arresto da parte dell’FBI..
Tenendo conto della mano pesante della giustizia americana in fatto di crimini finanziari, Tannin e Cioffi potrebbero scontare una pena non inferiore ai 15 anni… a tasso variabile.

sabato 20 giugno 2015

Angela, ghiacciolo razionale

Angela
guardando i tuoi occhi rivedo
l’azzurro più intenso del Mar di Sardegna

Angela
guardando i miei occhi controlli
la pigmentazione dell’iride spenta

Angela
osservo i tuoi denti lucenti
ricordo le bianche scogliere di Dover

Angela
osservi i miei denti spezzati
riscontri l’indizio: carenza di calcio

Angela
con te dividerei notti intere
vogliosa mia lingua nel tuo caldo rifugio

Angela
la tua lingua pronuncia la domanda crudele:
“e se poi mi trasmetti il Papilloma virale?”

Angela
noi due sulla barca, io remo
nella fatica contemplo la tua dolce figura

Angela
noi due sulla barca, non remi
registri frequenza di vogate al minuto

Angela
mi sforzo di comporre dei versi
poesia d’amore che tu possa gradire

Angela
schifata li leggi e compitando commenti:
”Vo-le-vo da te, en-de-ca-sil-la-bi”

Angela
il tuo nome è invito celestiale
ma con me ti mostri fin troppo terrena

Angela
il tuo nome è mistica bontà
ma con me sperimenti scientifica durezza

Angela
il tuo nome è richiamo spirituale
ma con me sei soltanto ghiacciolo razionale

Angela,
il tuo nome

Nome non è!

Ma come?
É cognome?

Angela,
tuo fratello Alberto.

Angela,
tuo padre Piero.

mercoledì 3 giugno 2015

Telecinesi



Ho scelto NOTTI BIANCHE di Dostoevskij: 160 pagine, 80 in cirillico, 80 testo a fronte in italiano, copertina flessibile, 150 grammi circa di peso, più o meno un grammo a pagina (oltre l’etto e mezzo, due, non mi azzardo, tenuto conto che trattasi di primo timido esperimento).

Posiziono il romanzo breve al centro del tavolo circolare del salotto, il bianco predominante della copertina sul beige della tovaglia di seta (regalo di nonna Emma o della prozia Adalgisa, la sorella di nonno Arturo, che di nonna Emma era consuocero o forse, no, nonne e prozie non c’entrano, la tovaglia la comprò mamma alla Standa, offerta imperdibile, i tovaglioli in omaggio, il tutto scontato del 60%, se acquistato entro e non oltre il 31 marzo).

La seta dovrebbe garantire un soddisfacente scivolamento del volume (mi rimane il dubbio che se avessi usato la tovaglia plastificata, debitamente oleata - olio di semi di girasole biologico, offerta Esselunga, scontato del 70%, se acquistato entro il 30 aprile – avrei ottenuto una riduzione extra dell’attrito). 

Il tavolo ha circonferenza pari a 2 metri e 22, raggio di un metro e 11, al quale (il raggio) devo sommare un’ulteriore distanza, quella del mio corpo rispetto al bordo tavolo, di centimetri 209, per un totale di 3 metri e 20 che mi separeranno dal libro, rispettando il vincolo che mi son dato di allontanarmi di 2 centimetri per ogni pagina (cirillica o italiana, poco importa) costituente il testo.

In realtà la distanza dalla mia fronte (perché è la fronte il punto di partenza da considerare per il tentativo che a breve dovrò compiere) all’opera del grande scrittore russo sarebbe pari ai 3 metri e 20 citati nella sola ipotesi che mi inginocchiassi, curvando leggermente la schiena (col risultato di accentuare la gobba che mia madre gentilmente mi concesse sin dalla nascita) in modo da tracciare un’immaginaria linea retta, parallela al pavimento, a unire la fronte suddetta (eccessivamente spaziosa, ulteriore regalo materno) all’opera suddetta.

Potrei in alternativa rimanere ritto in piedi, schiena impettita (nel limite del possibile, tenendo conto della deformazione genetica) fissando il libro dall’alto verso il basso: si tratterebbe sempre di linea retta, ma non più parallela al pavimento, una sorta di diagonale discendente, potenziale ipotenusa di un triangolo rettangolo che avrebbe come vertici la mia fronte, il capolavoro del XIX secolo, la cerniera dei miei jeans D&G (acquistati da mamma in una fredda mattina del 4 di gennaio di due anni fa, saldi invernali con sconto del 40%, poco dopo l’apertura della filiale Upim di Piazzale Carlo Marx, alle ore 9 e 02, 9 e 03 massimo) che però, stante il Teorema di Pitagora che vuole la misura dell’ipotenusa superiore a quella dei cateti, sforerebbe i 3 metri e 20 ripetutamente citati, violando il presupposto (tassativo) dell’allontanamento pari ai 2 centimetri la pagina.
Al di là dell’aumento della distanza, la forza d’attrazione che potrei esercitare diminuirebbe: ora, non so dirvi di quanto e in base a quale legge fisica (a intuito viene spontaneo immaginarsi una maggior capacità attrattiva se tiriamo verso di noi un oggetto posto alla medesima altezza delle nostre mani, rispetto all’eseguire la manovra con le mani che si trovano a un’altezza superiore a quella dell’oggetto stesso: dimenticavo di precisare che non necessariamente oggetto e mani devono esser fra loro collegati da apposita cordicella sintetica, l’esempio rimane del tutto valido nel contesto attuale, dove vi è assenza di corde, le mani le porrò sulle mie tempie, la forza d’attrazione mentale a sostituire il filo in poliestere), so solo che avrei meno probabilità di portare a casa un risultato positivo.

Mi avvicino al tavolo impugnando solennemente il Tratto Pen Nero (comprato dal sottoscritto nella Cartoleria di viale Federico Engels, sfruttando l’offerta imperdibile, una gomma di Peppa Pig in omaggio, il tutto scontato del 30%, offerta valida fino al 31 di Agosto) e con estrema precisione, tratteggio sulla tovaglia quattro segni in corrispondenza dei bordi che delimitano il libro.
Nel valutare la riuscita o il fallimento della prova non posso (non devo) farmi suggestionare da ipotetici spostamenti del romanzo, più anelati che reali, senza il supporto di una misurazione oggettiva, di uno scarto (presumo di pochi millimetri), fra la posizione iniziale, pre-tentativo, del volumetto, e quella finale, a esperimento concluso: scarto evidenziabile solo se i segni trattopenneggiati non corrispondessero più ai bordi coi quali ora combaciano.
La necessaria precisione, direi scientifica, ha la meglio sul rimorso per aver macchiato (in modo indelebile?) la tovaglia di seta: confido nel perdono materno e in una prossima promozione Standa, anche limitata alla sola tovaglia (i tovaglioli, tuttora intatti, non richiedono sostituzione) per rimediare al danno compiuto.

Mi allontano indietreggiando, in modo da mantenere lo sguardo fisso sul centro tavola, fermandomi nell’istante in cui la punta dei piedi si posiziona in corrispondenza della linea gialla pennellata sul pavimento (avrò cura di eliminare ogni traccia delle linea grazie al lavapavimenti Hoover, comprato all’Ipercoop di via Antonio Gramsci, alla modica cifra di euro 120, modica se rapportata al prezzo pieno di euro 200, prezzo decurtato del 40% grazie all’imperdibile promozione da noi, noi inteso come famiglia, sfruttata prima che scadesse la data fatidica del 29 Febbraio) e posta alla distanza di 3 metri e 20 dal titolo (NOTTI BIANCHE, per chi l’avesse dimenticato) che campeggia esattamente nel mezzo della copertina bianca, flessibile, del libricino in questione.

Lascio cadere il Tratto Pen Nero, ormai inutile, mi inginocchio, curvo la schiena accentuandone la naturale cifosi, porto le due mani in corrispondenza delle tempie (mano destra-tempia destra, mano sinistra-tempia sinistra), chiudo parzialmente le palpebre, scruto con intensità crescente il piccolo volume, che, man mano che passano i secondi e più acuta si fa la mia osservazione, tende a perdere i contorni ben definiti (e trattopennarellati) che ne determinano la forma rettangolare, per sfumare in una indistinta macchia bianchiccia circondata da un altrettanto indistinta nuvoletta serica color beige.

La riapertura completa delle palpebre, improvviso sguardo spiritato, la rinnovata messa a fuoco dell’oggetto della prova, coincidono con l’emissione (mentale) della frase che ho per tempo definito e che ritengo perfetta per lo scopo prefissato:

“Fedor, vieni avanti Fedor… dai Fedor, avanza Fedor… Fedor, vieni avanti Fedor… Fedor, fidati Fedor!”

Ero indeciso sul punto esclamativo finale, il timore di urtare la suscettibilità del grande romanziere, ma poi mi son detto che l’invito al movimento necessitava di un minimo d’autorità, sintomo della determinazione del sottoscritto a ottenere quanto sperato: lo spostamento del libro che con ogni probabilità di suo mai si muoverebbe dalla posizione di partenza.
Alcuni potrebbero obiettare che avrei dovuto rivolgermi direttamente all’opera, in fin dei conti è lei che deve vincere la naturale propensione all’immobilità, e non all’autore, ma come disse un Anonimo Poeta (letto in un Bacio Perugina acquistato, a prezzo pieno, nel Bar Botto, di via Palmiro Togliatti): ”Non avete per le mani un libro, ma l’anima di chi lo ha scritto”.

“Fedor, vieni avanti Fedor… dai Fedor, avanza Fedor… Fedor, vieni avanti Fedor… Fedor, fidati Fedor!”

Nei primi 60 secondi l’anima di Dostoevskij non mostra segni di ricettività.

Aumento la pressione delle mani sulle tempie (lo schiacciamento che ne deriva dovrebbe accrescere la fuoriuscita del pensiero esortativo, un po’ come avviene premendo con forza un brufolo puberale con conseguente schizzo del pus contenuto) e ripeto, con un filo di inquietudine mista a nervosismo:

“Fedor, vieni avanti Fedor… dai Fedor, avanza Fedor… Fedor, vieni avanti Fedor… Fedor, fidati Fedor!”

Nei successivi 60 secondi l’anima di Dostoevskij non mostra segni di ricettività.

Ulteriore spremitura meningea e rinnovato appello:

“Fedor, vieni avanti Fedor… dai Fedor, avanza Fedor… Fedor, vieni avanti Fedor… Fedor, cazzo Fedor!”

Maledizione, mi è sfuggito quel “cazzo” finale, sintomo dell’incontrollata irritabilità del sottoscritto che da sempre (complice l’agitazione materna assorbita via cordone ombelicale) mi caratterizza.

“Fedor, scusami Fedor… è stato un attimo, Fedor… perdonami Fedor, ti prego… dai Fedor, perdonami e avanza… senza punti esclamativi, Fedor.”

Una lieve e inaspettata vibrazione parte dai piedi e tende a risalire lungo le gambe mentre, perfetto sincronismo, analogo tremolio scuote il destinatario delle mie invocazioni cerebrali.

“Fedor, ti ringrazio Fedor… dai Fedor, avanza Fedor… Fedor, che bello Fedor… Fedor, continua così Fedor.”

La vibrazione si fa più vigorosa, supera le ginocchia, prosegue spedita lungo le cosce, zona pelvica, basso intestino, diaframma, le NOTTI BIANCHE accentuano il proprio balletto (l’evidente scossa che investe il volume renderà inutile la verifica dei bordi tratteggiati che, col senno di poi, avrei potuto evitare, così come l’irritazione di mamma per la linda tovaglia che fu).

“Fedor, rinnovo il ringraziamento Fedor… dai Fedor, avanza Fedor… Fedor, continua così Fedor... ma senza esagerare… mi raccomando, Fedor”

Il cuore è in subbuglio, si sposta nella gola, i denti battono frenetici, sento il rimbombo nella testa, sono confuso, il romanzo ha eseguito un balzo prodigioso (10 cm in altezza, roba che neppure Javier Sotomajor nel salto in alto!), trascinando con sé il tavolo che sembra seguirlo nel decollo tumultuoso.

“Fedor, santissimo Fedor… che Dio ti abbia in gloria, Fedor… Fedor, ora direi di rallentare Fedor… Fedor, per favore fermati, Fedor.”

L’anima di Fedor torna a mostrarsi non ricettiva.

I piedi si staccano dal pavimento, nei tre secondi che passano dalla perdita di contatto con il marmo bianco al doloroso atterraggio (ricaduta sui talloni e perdita d’equilibrio) noto, con terrore, l’inclinarsi del tavolo, lo scivolamento del capovaloro ottocentesco per terra, la spaventosa oscillazione del lampadario a candelabro, con foglie dorate, che è lì lì per staccarsi dal soffitto, una crepa a zig zag sulla parete che mi sta di fronte, la mia supplica che spontanea tenta, inutilmente, fuori tempo massimo, di invertire la rotta:

“Fedor, ora è troppo Fedor… Fedor, finiscila Fedor… Fedor, è pericoloso Fedor!!”

La coppia di punti esclamativi provoca il black out dell’impianto elettrico, il lampadario, disperatamente aggrappato al soffitto, si spegne, lo stereo espelle il CD di Domenico Modugno (a soli euro 5.99, offerta Auchan del Natale scorso), la scacchiera si lancia, dal mobile in noce del salotto, sul pavimento mischiando fra loro torri con pedoni, cavalli e alfieri, re e regine di colore opposto, i vetri della finestra esplodono, un vento gelido istantaneo a colpirmi il volto, la massa corpulenta della signora Scoccimarro (la sbudriolona del quarto piano) in caduta libera verticale, la sua ciccia sballonzolante mentre attraversa in un battibaleno il campo visivo delimitato dalla finestra svetrata per schiantarsi sul selciato di viale Enrico Berlinguer, non prima di aver pronunciato un poderoso e definitivo: “Terremotoooo!!!!”

;